LA POLITICA NEL 2013 (parte 2)

Non tutti i politici sono incapaci, ma anche a chi sa’ quali sono le riforme da fare, non interessa farle più di tanto, preferiscono fare i loro interessi. Il sistema elettorale e la frammentazione politica causano l’instabilità dei governi e l’ingovernabilità del Paese.

Dal’America alla Francia, Il culto della personalità dei nostri “leader” ha trasformato la politica in un reality show. Negli ultimi 20 anni, in Italia il culto della personalità di Berlusconi ha spostato il focus della discussione nei media da tematiche vere ad argomenti triviali. Dovremmo prendere esempio dal governo Svizzero, dove ogni anno cambia il presidente senza intoppi, non si sa mai come si chiama, ma il governo funziona sempre efficientemente. Il leader politico dovrebbe essere “nessuno”; il programma politico dovrebbe avere una visione a lungo termine, di almeno 20 anni, e dovrebbe così trascendere il nome dei suoi leader e le loro inclinazioni politiche.

La parola “politica” ha assunto connotazioni negative, ma la democrazia deve essere partecipativa. Il cambiamento deve partire dai cittadini tramite una lunga trasformazione sociale che parte dal basso. Il governo deve perciò promuovere uno spirito nuovo di cooperazione, sacrificio comune e prosperità comune.

Ma il governo italiano, come la maggior parte dei governi del mondo, promuove il materialismo individualista ed incoraggia la novità continua dei prodotti di consumo, con la presunzione che il consumo serve alla crescita economica, che protegge il lavoro e mantiene la stabilità. Il risultato è che lo Stato è convinto che la crescita può schiacciare tutti gli altri obiettivi politici. Uno Stato che difende solo le libertà di mercato alla ricerca del consumismo non ha niente a che fare con la vera visione del “contratto sociale” con il popolo. Il governo tecnico Monti, esperto nel settore della teoria economica e credibile alla finanza internazionale, fa’ parte del sistema che ha causato questa crisi. Monti è stato uno degl’idealizzatori dell’Euro, e non possiamo risolvere i problemi attuali con gli stessi paradigmi che l’hanno creato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: