ENERGIA nel 2013. Un Impianto vecchio. (parte 5)

La rete elettrica
• La rete elettrica è il settore più antiquato e vulnerabile dell’energia.
• La rete elettrica creata negli anni 30-50 era un sistema di emergenza temporaneo per trasportare l’elettricità. Più della metà dell’apparecchiatura ha più di 25 anni.
• Entro il 2015 il picco di utilizzo elettrico non riuscirà ad essere soddisfatto.
• Le interruzioni d’elettricità a causa di una rete obsoleta causano costi dell’1% del pil globale
• I prodotti di consumo elettrici usano il 15% dell’elettricità di tutta l’energia di una casa. Entro il 2030 sarà tre volte tanto.
• Il cliente paga una bolletta elettrica media, che non fa vedere quanto sprecano e costano i picchi elettrici.
• L’utilizzo energetico sta aumentando del 1.5%-2% all’anno, ma la richiesta nelle ore di picco sta aumentando del 5-7% all’anno. In 3-4 ore di sera si usa il doppio dell’energia giornaliera.

L’energia nel 2013
• Negl’ultimi 30 anni l’utilizzo pro capite d’energia è aumentato del 60%.
• In Italia, solo il 13% del carburante che bruciamo è usato, l’87% è sprecato.
• Solo il 13% dell’energia consumata nel mondo arriva da fonti rinnovabili.
• Il prezzo dell’energia ottenuta tramite panelli fotovoltaici è scesa da $22/watt del 1980 a $1.5/watt oggi e può essere ancora migliorato.
• Lo stimulus mondiale durante la crisi è stato di $3000 miliardi, solo $155 miliardi , il 5%, è stato investito nelle energie rinnovabili.
• In Italia, il 93% del petrolio viene importato dall’estero, il 91% del gas naturale viene importato e il 95% del carbone viene importato.
• Il mix energetico italiano è dipendente dall’estero per più dell’80%, spendiamo 62 miliardi di euro l’anno per importazioni energetiche
• Il costo di istallare fotovoltaico è di 2300 Euro per abitante, 138 miliardi di euro per 60 milioni di abitanti. Poco più due anni di spese delle energie importate.
• In Europa, il legno e scarti di legno sono 2/3 dell’energia rinnovabile.
• L’impronta di co2 emessa da 1 kwh d’energia eolica è 9 grammi, quella del solare termico è 13 grammi, quella del fotovoltaico è 32 grammi, quella del geotermico è 38 grammi, quella del nucleare è 288 grammi, quella del gas è 443 grammi, mentre quella del carbone è 1050 grammi per 1 kwh.
• L’uso d’acqua per 1 megawatt di energia eolico e solare sono zero litri. Il gas usa 800 litri, il carbone 2000 litri, il nucleare 3500 litri.
• Le grandi dighe producono il 19% dell’elettricità mondiale (6% dell’energia totale mondiale).
• Attualmente, l’efficienza di trasformare il fotovoltaico in elettricità è solo 10%.
• Le società elettriche hanno adottato il vizio di buttare tutto il calore prodotto nell’atmosfera, hanno un’efficienza di solo 30%.
• Ma le centrali elettriche di cogenerazione producono sia elettricità che riscaldamento, hanno un’efficienza del 80%.
• le centrali elettriche di cogenerazione sono ancora solo il 9% a causa principalmente delle società elettriche che bloccano progetti di cogenerazione per massimizzare i profitti e a causa dei governi che non riconoscono la cogenerazione come energia rinnovabile.
• Le centrali di cogenerazione creano fra l’altro energia locale, eliminando costi di trasmissione e distribuzione ed eliminando perdite d’energia nella trasmissione.

Tutto il petrolio, carbone e gas sulla Terra contengono l’energia che il nostro pianeta riceve dal sole in 30 giorni: teoricamente un ora di sole su tutta la Terra ci può dare energia per tutto l’anno; in pratica 7 giorni di sole sulla Terra ci possono dare abbastanza energia per tutto l’anno. Anche un mese dell’energia eolica o geo-termica ci possono dare tutta l’energia di cui abbiamo bisogno all’anno. Perché’ allora siamo imprigionati da un sistema energetico così antiquato e dannoso?

Cina, Stati Uniti, Unione Europea, Russia, India Giappone e Brasile, questi stati decideranno d’agire quando sarà accettato che i rischi di non fare niente sono più grandi dei rischi di fare qualcosa, quando il punto di vista dominante diventerà che il cambiamento climatico minaccia la vita delle civiltà e il collasso globale dell’economia. Una reazione alla crisi seguirà velocemente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: