archivio

Archivi tag: case passive

Nel 20esimo secolo le case e fabbriche hanno smesso di essere costruite in modo da conservare energia. Impariamo dai nostri antenati, costruiamo edifici con esposizione a sud, protette dai raggi di mezzogiorno, ma riscaldati da raggi di mattino e sera. Costruiamo con materiale efficienti di bio-edilizia, isolariamo i muri, pavimenti e tetti, installiamo lucernai per ridurre la luce artificiale, con meno finestre a est, nord e ovest, più a sud, tetti bianchi o chiari, giardini pensili e ventilazione continua per cambiare aria, possono ridurre l’energia di un immobile del 60%.

Circa la metà dell’energia usata in casa è per riscaldare o rinfrescare, l’energia geo-termica ad acqua o aria potrebbe dare il 60% di tutta l’energia ed eleminerebbe questi costi del 70% ed è energia prodotta localmente. Un altro modo per ridurre l’utilizzo energetico potrebbe essere produrre ghiaccio di notte, permettendo di rinfrescare l’edificio di giorno senza usare aria condizionata nei picchi d’energia. Infine, rimpiazzare caldaie, luci, elettrodomestici e elettronica vecchia e inefficiente è uno delle maggiori opportunità per diminuire gli sprechi energetici residenziali.

Entro 10 anni , almeno la metà delle case dovrebbero produrre una parte della loro energia da fonti rinnovabili. Il nuovo modello cambierà completamente la natura del mercato elettrico. In 20 anni l’Italia avrà bisogno di intervenire e ristrutturare 20 milioni di immobili usando materiali usati e certificati per case, edifici pubblici ed industrie, per renderli ad impatto zero e risparmiare energia. Aumenteranno così i codici edili e i codici d’efficienza per il riscaldamento e raffreddamento, vetri e tetti isolati con prodotti naturali.

Annunci

Dobbiamo investire nell’efficienza energetica nel edilizia:
• Costruendo strutture passive solare: finestre a sud con tettoie per proteggere dal sole diretto estivo ma farlo entrare in inverno, e piante che proteggono dal nord
• Isolando muri, tetti e finestre
• Installando ventilazione per fare circolare calore o aria fresca
• Costruendo massa termica come muri di pietra o terra cruda, che assorbono e immagazzinano calore
• Installando solare termico per acqua calda
• Piantando giardini sui tetti, che isolano le strutture abbassando le temperature d’estate e riscaldandole durante l’inverno
• Introducendo i certificati LEED (leadership in energy and environmental design) per l’edilizia

L’obiettivo dovrebbe essere di tagliare le perdite di calore di due terzi d’inverno e ridurre aria condizionata per metà in estate. Dovremo introdurre crediti ed incentivi per i proprietari d’immobili per finanziare isolamento di tetti, finestre porte, per finanziare l’acquisto di luci ecologiche, impianti solari e micro-eolici, dandogli un ritorno economico a breve termine con investimenti luci ecologiche, e creando centinaia di migliaia di posti di lavoro.